lunedì 15 giugno 2015

Age of Sigmar: la storia e i libri ritirati dalla vendita


Sono poco attivo in questi giorni? Sì.
Ma potevo farmi sfuggire queste succose notizie? Decisamente no.
Stiamo parlando di Age of Sigmar e di diversi suoi aspetti. Innanzitutto c'è una notizia non appartenente alla categoria dei rumors, poiché visibile sul sito GW. Si tratta di una frase che è stata aggiunta all'inizio della descrizioni di molti libri delle regole di Warhammer Fantasy.

La frase è questa:
Questo prodotto verrà ritirato dalla vendita il 26 giugno. L'Età di Sigmar sta per arrivare!

I prodotti con tale frase sono i seguenti:
Regolamento di Warhammer
Tutti i libri di End Times
Trionfo e Tradimento
Warhammer: Tempesta di Magia
Warhammer: Il Sangue di Sigmar
Tutti i Libri degli Eserciti
Set di Segnalini di Warhammer
Set di Misurazione degli Ingegneri
Set di Sagome di Warhammer
Tutti i set di carte Magia da Guerra di Warhammer ancora presenti sul negozio online.
Mattonelle di espansione per Mighty Empires
Mighty Empires (in realtà è già esaurita, ma la frase c'è comunque)

Inoltre, sebbene non sia una notiziona, voglio comunque farvi notare la rimozione del kit dei Ratti Giganti. Non è una notiziona perché questi modelli sono già inclusi nel kit dei "Rattogri e Ratti Giganti", ma era giusto per darvi il quadro completo della situazione.

Ora passiamo ai rumors sulla presunta storia di Age of Sigmar. Un ragazzo di nome SLeibniz ha commentato un articolo su BOLS riguardante Age of Sigmar, parlando della trama del solito romanzo che accompagna il libro principale, un po' come successo già per tutti i libri di End Times.
Questo è il suo commento.

English

SLeibniz on BOLS

Age of Sigmar is not set in the past of the Warhammer world, but very likely on a totally different realm that happens to be very similar to the old world.

I had the chance to spend about 20 minutes with the upcoming book Age of Sigmar by A. Lanning (a novel, not the game) that deals with the aftermath of the end times. The prologue makes it very clear that Sigmar survives and the whole plot takes place after the end times. Nothing that I have read suggests that there is any time travel involved. It is just a continuation of the story on a much broader scale. I think it is safe to say that the game of the same name follows the story of book and doesn't establish a totally different setting.

In the prologue Sigmar survives and pulls the winds of magics through the gap into the warp. In the process the pure untouched currents of the warp are tainted with the personifications of the winds - the Incarnates. This is the birth of eight new minor gods.

But most of the book is not about sigmar or the incarnate gods directly, only three chapters as far as I could see were written from their perspective. The rest of the book is an ordinary fantasy adventure story. The book follows Martellus Mann, a reikguard quartermaster who was slain in the end times, but is reborn in Sigmarshall, the domain of Sigmar.

I then skipped some hundred pages forward so I don't know what happened in the aftermath, but in the middle of the book, he has gathered a large party of heroes from many realms and realities in a quest for something called the spirit mill or soul mill or something like this. I know for sure that there are several worlds and that the protagonist can travel from one to the other but I didn't read a chapter where this was described in person and I don't know if this is part of the game world.

In the middle of the books there is a huge betrayal, sigmarshall is under siege by the armies of the chaos gods. incarnate fights against incarnate and all are cast out from the warp. Mann starts a search for sigmar in the believe that he was reborn somewhere. The second half of the book is set on a world called Regalia. And here it gets interesting: Regalia is the only area/realm/world that has a map in the book. Regalia looks like the old world or earth and has very familiar regions and city names, etc. But there are some huge alterations: there is no Ulthuan, but a huge landbridge that connects Canada with Scandinavia.

There are no elven or dwarven sounding cities or lands but strange sounding names in the Americas and Africa that don't fit any race of the old setting. There is no empire, but lots of different states in Europe and Asia - Nuln, Middenheim, etc are there, but Altdorf is not. There are more things you can deduce from the map if you assume that it represents the setting of the game, which I strongly think it does. Mann finally arrives in the city Heldenheim that is build in the Worlds Edge Mountains just in time to visit the crowning of emperor Karl Franz where he announces his plan to conquer the whole world. Mann thinks that he has found Sigmar and the book jumps to the epilog.

Sigmar is chained somewhere and starts to dwindle, but then he smiles and proclaims that his great work to eliminate the chaos once and for all has only started. He vows to conquer the warp.

I think it is pretty obvious that the game will be set in this new world. Why would they establish all this in the book when the game doesn’t use it at all, but I haven't seen any actual game material (though there is a slim chance that I get a glimpse this weekend - fingers crossed), so take this into account.


Italiano

Sleibniz su BOLS

Age of Sigmar non è ambientato nel passato del mondo di Warhammer, ma molto probabilmente in un regno totalmente differente che risulta molto simile al Vecchio Mondo.

Ho avuto l'occasione di spendere venti minuti con il libro Age of Sigmar di A. Lanning (un romanzo, non il gioco) che tratta le conseguenze della fine dei tempi. Il prologo dice chiaramente che Sigmar sopravvive e che l'intera trama si svolge dopo la fine dei tempi. Niente di ciò che ho letto suggerisce l'inclusione di un viaggio nel tempo. E' solo una continuazione della storia in scala molto maggiore. Penso sia possibile dire che il gioco con lo stesso nome segua la storia del libro e non stabilisca un setting totalmente differente.

Nel prologo Sigmar sopravvive e tira i venti della magia attraverso il varco nel Warp. Durante il processo, le correnti pure del Warp vengono corrotte dalle personificazioni dei venti - le Incarnazioni. Questa è la nascita di otto nuovi dei minori.

Ma la maggior parte del libro non parla di Sigmar o degli dei incarnati direttamente. Solo tre capitoli, per quello che ho potuto vedere, erano scritti da quella prospettiva. Il resto del libro è un'ordinaria avventura fantasy. Il libro segue Martellus Mann, un quartiermastro della guardia del reik che venne ucciso durante la fine dei tempi, ma che è rinato in Sigmarshall, il dominio di Sigmar.

Successivamente ho saltato qualche centinaio di pagine, quindi non so cosa sia successo, ma a metà del libro ha riunito un grande gruppo di eroi provenienti da molti regni e realtà in una missione per una cosa chiamata mulino dello spirito, mulino dell'anima o qualcosa del genere. So per certo che ci sono diversi mondi e che il protagonista può viaggiare da uno all'altro, ma non ho letto di persona il capitolo in cui questo viene descritto, quindi non so se questa sia una parte del mondo di gioco.

A metà del libro c'è un grande tradimento, Sigmarshall viene assediata dagli eserciti degli Dei del Caos, le Incarnazioni combattono contro altre Incarnazioni e tutte vengono scacciate dal Warp. Mann inizia a cercare Sigmar perché crede che sia rinato da qualche parte. La seconda metà del libro è ambientata su un mondo chiamato Regalia. Qui si fa interessante: Regalia è l'unico mondo/regno/area che ha una mappa nel libro. Regalia è molto simile al Vecchio Mondo o alla Terra e ha regioni e nomi di città molto familiari, etc. Ma ci sono alcune enormi alterazioni: non c'è Ulthuan, ma un enorme ponte terrestre che connette Canada con Scandinavia.

Non ci sono città o terre con nomi che suonano elfici o nanici, ma nomi dal suono strano nelle Americhe e in Africa che non riguardano alcuna razza del vecchio setting. Non c'è l'Impero, ma molti stati differenti in Europa e Asia - Nuln, Middenheim, etc. sono lì, anche se non c'è Altdorf. Ci sono altre cose deducibili dalla mappa se diamo per scontato che rappresenti il setting del gioco e io penso lo faccia. Mann arriva finalmente nella città chiamata Heldenheim, costruita nei Confini del Mondo, giusto in tempo per assistere all'incoronazione dell'imperatore Karl Franz, dove egli annuncia il suo piano di conquista del mondo intero. Mann pensa di aver trovato Sigmar e il libro passa all'epilogo.

Sigmar è incatenato da qualche parte e inizia a scemare (io l'ho tradotto, ma ammetto di non sapere cosa intenda con questa frase), ma poi sorride e dice che il suo grande piano di eliminazione del Caos una volta per tutte è solo cominciato. Giura di conquistare il Warp.

Penso sia abbastanza ovvio che il gioco sarà ambientato in questo nuovo mondo. Perché stabilire tutto questo nel libro quando il gioco non ne fa uso? Ciononostante, non ho visto alcun materiale di gioco (però c'è una piccola possibilità di poterci dare uno sguardo nel fine settimana - dita incrociate), quindi tenetelo da conto.



Nulla di tutto ciò è confermato, ma per ora parliamone dando per scontato che sia tutto vero. Possiamo fare qualche considerazione.
Nel manuale di 3a edizione viene spiegato il metodo di terraformazione dei pianeti da parte degli Slann (non c'era ancora la distinzione tra Antichi e Slann, per chi non lo sapesse). Qui troviamo una spiegazione sul perché il pianeta di Warhammer Fantasy assomigli così tanto alla Terra. Questo perché gli Slann/Antichi seguivano uno schema piuttosto simile per ogni pianeta perché lo consideravano un modello efficiente. Questo potrebbe spiegare la somiglianza tra il vecchio pianeta ormai esploso e questo nuovo Regalia.
Sul resto dei pianeti non c'è molto da dire. Gli Antichi hanno sempre viaggiato tra pianeti e stelle e sappiamo benissimo che Warhammer Fantasy non è mai stato un fantasy classico, quindi non c'è da stupirsi della presenza di un metodo di viaggio tra i pianeti descritti.
Interessante la creazioni di otto divinità minori per i Venti della Magia. Queste divinità rappresenteranno i Venti? Le Incarnazioni rappresenteranno le divinità o saranno due tipi di entità del tutto separate?
Un'altra faccenda che mi rende molto curioso è il ritorno di certi personaggi, ma non solo quelli più famosi. Karl Franz è tornato, ma non si sa come. La cosa che stupisce ancor di più è il ritorno non solo di personaggi famosi come lui, ma di soldati comuni come questo Martellus Mann. Possibile che un bel po' di personaggi tornino in vita dopo essere morti durante End Times? Inoltre non capisco il motivo dell'incoronazione di Karl Franz. Se è una continuazione immediatamente successiva ad End Times, non c'è sicuramente stato il tempo di avere un altro Imperatore e poi dire "Oh, Karletto è tornato. Incoroniamolo di nuovo". E' possibile che i personaggi di adesso non si ricordino gli eventi accaduti prima? Se fosse così, ma è solo una mia supposizione campata in aria, Sigmar rappresenterebbe l'eccezione. Lui vuole conquistare il Warp. CONQUISTARE IL WARP?! COME, SCUSA?!
In breve, questo commento potrebbe averci dato diverse risposte, ma generando contemporaneamente altre migliaia di domande che scatenano sicuramente tutta la mia curiosità. Spero vivamente che in questi giorni, oltre a delle immagini riguardanti gli Angeli Oscuri, arrivino anche nuove informazioni su Age of Sigmar.

8 commenti:

  1. Thank you for the English translation. I've read that elsewhere, but had to express my appreciation for being able to read....

    ....my Google Translate has stopped working.

    RispondiElimina
  2. Mah... a me questa storia del "Regalia" non mi convince, mi sembra tanto uscita da un anime giapponese.... non ci vedo finora nulla del lore che ho amato. Vedremo come sarà il gioco ma le premesse sono deludenti... nel frattempo dico "Spiccateschi! c'è del lavoro per te"
    (traduzione: Spiccateschi ha persos olo una volta nella sua carriera, proprio contro Sigmar)

    RispondiElimina
  3. Ok, ma tutti stiamo aspettando con ansia una certa notizia, cosa ci sarà nella scatola base? #_#

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dei soldatini a prezzi svantaggiosi, suppongo

      Elimina
  4. Io sono l'ex manager della GW Ufficiale Firenze. Ti seguo da molto. Intervengo qui perché ovviamente siamo ad un cambio epocale dei giochi da tavolo GW e merita davvero parlarne. Non ho ancora avuto modo di provare AoS ma lo farò presto anche perché, come potrai immaginare, ho circa 5000PT di Nani da sfruttare ancora. Per loro non mi preoccupo... Non muoiono mai anche se sono sempre sull'orlo dell'estinzione hehe... Quello che mi sembra qui è che GW stia facendo un bel RESET di tutto il passato immaginando un universo nuovo e parallelo. Come se avessero riscritto la storia "migliorandola" secondo il loro punto di vista. Inutile dire che ne discuteremo per molto ma merita sempre, secondo me, abbracciare i cambiamenti con entusiasmo. Facciamo sempre in tempo a dire: "Beh mi sbagliavo, gioco con il vecchio sistema e ciao a tutti". Non mi colpisce quindi la mancanza di congruenza con PG come Karl Franz. Mi sta bene pure questo. Quello che contestavo all'azienda quando ancora guidavo il 4° negozio mondiale della GW Ufficiale è questo: Hai fatto The End of Time facendo comprare un botto di materiale alla gente e poi annunci dopo pochissimo tempo che è tutta fuffa che non puoi più utilizzare. Bella l'idea, ma forse era figo poterla utilizzare ancora, se poi uniamo questo ai SOLDONI tonanti che chiedono adesso... Mah... Non stupisce che in Italia siamo scomparsi come QG. A presto e buon proseguimento!!!

    RispondiElimina
  5. Secondo me age of sigmar é un collegamento tra fantasy e 40k.. Il piano di sigmar su distruggere gli lo dei del caos mi ricorda molto la creazione dell' imperatore da parte degli sciamani con lo stesso fine.. Inoltre c'è questa regalia che é uguale alla terra.. Non so voi ma secondo me sigmar é l' imperatore

    RispondiElimina
  6. Alò, l'ambientazione propria di warhammer 40000 è precedente a quella di fantasy battles invero: la prima giustifica nonché concausa la seconda. Forse, games workshop desidera innestare un'intuizione a mò di serpente che si morde la coda ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, sono due cose totalmente diverse. Warhammer 40.000 non è in alcun modo la causa della creazione del mondo di WHFB, tanto quanto Sigmar non è un primarca perduto.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Visualizzazioni fin dall'inizio dei tempi