domenica 8 febbraio 2015

Momenti BG 04: Samus


Samus è un'entità Warp. Secondo le leggende di Sessantatré-Diciannove, uno dei primi imperatori del pianeta sconfisse Samus e lo confinò in una parte delle Montagne Whisperhead in cui il mondo materiale e quello degli spiriti si mescolano. Quando i Lupi della Luna portarono il pianeta nell'Imperium e visitarono suddetto luogo, Samus possedette il corpo del Sergente Xavyer Jubal, uccidendo numerosi Astartes e Rimembranti. Garviel Loken e Nero Vipus lo uccisero con quasi cento colpi di Requiem e poi ne bruciarono i resti, ma tutta la faccenda venne nascosta da Horus perché una battaglia tra Astartes sarebbe stata inaccettabile. Dopo questa possessione e uccisione, Samus venne rispedito nel Warp, uscendo dall'esilio e potendo tornare in azione.

Samus combatté durante la Battaglia di Calth, facendo parte dell'esercito demoniaco evocato da Erebus. I vox furono intasati da una cantilena dedicata a Samus, ma anche alcuni individui senza sistemi di comunicazione la sentirono risuonare nelle proprie orecchie. Le parole erano le seguenti:
"Samus. Questo è il solo nome che sentirete. Samus. Significa la fine e la morte. Samus. Io sono Samus. Samus è tutto intorno a voi. Samus è l'uomo accanto a voi. Samus rosicchierà le vostre ossa. Stai attento! Samus è qui."
Durante le vicende di Signus, un Assetato di Sangue concluse un discorso con Horus dicendo: "Samus manda i suoi saluti. E ora il gioco inizia."
Samus è un personaggio che sta acquisendo sempre più importanza ed è possibile che faccia nuove apparizioni, oltre ai momenti in cui viene nominato.

0 commenti:

Posta un commento