domenica 31 dicembre 2017

Momento Review: Codex - Dark Angels

Era da un po' di tempo che volevo riprendere le recensioni dei Codex e quindi eccoci qua con quello attualmente più recente. Il nuovo Codex: Dark Angels è arrivato in un mese che ha visto anche l'uscita del Codex: Blood Angels, una gestione delle uscite che probabilmente voleva fare un piccolo richiamo ai tempi della seconda edizione e di Angels of Death.
Con questa uscita, Games Workshop ha voluto fornire un Codex che fornisse nuove opzioni ai giocatori. Fin dall'uscita del Codex: Space Marine di 6a edizione è stato possibile leggere e sentire community di giocatori Angeli Oscuri infiammate dalla voglia di ricevere nuove unità generiche a loro negate; una fiamma nuovamente alimentata dall'uscita dei Terminator Cataphractii in plastica nel 2015 e poi dei Terminator Tartaros nel 2016. Ora, con il concludersi del 2017, anche gli Angeli Oscuri hanno ricevuto la possibilità di schierare Hunter, Stalker, Land Speeder Storm, Cannoniere Stormraven, Esploratori in Moto e le due varianti di Terminator. Una mossa che ha semplicemente permesso di rispecchiare a dovere il background, quando nelle regole avevamo il Capitolo sconosciutissimo, mal fornito o mezzo estinto con armerie complete ed equipaggiamento dell'Eresia da una parte e gli Angeli Oscuri senza neanche una Tartaros o Cataphractii dall'altra. Il Codex: Dark Angels risolve questo problema dando ai giocatori nuove interessanti opzioni di gioco, ma ovviamente non c'è solo questo.
Gli Angeli Oscuri ricevono il supporto di tutto il reparto Primaris, il quale, in realtà, era comunque già utilizzabile precedentemente. La nuova organizzazione capitolare ha reintrodotto il rango di Luogotenente e i designer ne hanno approfittato per creare una nuova opzione di gioco per il kit del Land Speeder. L'Ala del Corvo riceve quindi il supporto dei Talonmaster, ossia i Luogotenenti dell'Ala del Corvo che scendono in campo sul proprio Land Speeder personale. Il Talonmaster potenzia considerevolmente le unità di Angeli Oscuri entro 6" da esso, in particolare se appartenenti all'Ala del Corvo; inoltre, tale unità non costituisce solo una versione depotenziata di Sammael su Sableclaw da mettere in lista quando si gioca a pochi punti o senza personaggi speciali, poiché fornisce un bonus unico. Meno incisivo rispetto a quello fornito da Sammael, ma comunque unico. Ciononostante, il costo in punti non favorisce molto l'utilizzo del Talonmaster se non avete intenzione di schierarne di più di uno. Per pochi punti in meno, infatti, nella vostra lista potete inserire un chiaramente migliore Sammael su Corvex. Il Talonmaster può comunque essere la seconda opzione da scegliere, ma difficilmente risulterà la prima a cui molti punteranno. Dal punto di vista della trasposizione del BG, invece, secondo me è presente una piccola pecca. I Luogotenenti sono solo due per Compagnia e i Talonmaster solo a loro volta due. Per l'unità del Luogotenente non è un problema schierarne tre o quattro, magari provengono da compagnie diverse, ma i Talonmaster sono quasi dei personaggi speciali, poiché sono due membri di una Compagnia ben precisa, non ce ne saranno mai tre nello stesso momento. L'assenza di una limitazione a soli due Talonmaster per armata mi ha fatto storcere un po' il naso.

Con le regole specifiche per l'armata, come gli Stratagemmi e le Reliquie, il Codex recupera molti punti. Oltre a Stratagemmi che permettono di fare Ferite Mortali in ogni angolo, ho apprezzato la voglia di metterne alcuni particolarmente rivolti alla componente narrativa, tipo il rituale del Leone e del Lupo o la caccia al personaggio che possiede informazioni su un Caduto. Nelle Reliquie, invece, mi ha fatto molto piacere vedere, tra le altre cose, la versione generica delle Lame dell'Empireo. Magari non tutti lo sanno, ma la Spada dei Segreti di Azrael, la Spada del Silenzio di Belial e la Spada del Corvo di Sammael appartengono ad un gruppo di spade chiamato Lame dell'Empireo. Ce ne sono altre, infatti conosciamo Fellbane del Maestro della 5a Compagnia Balthasar e la Spada della Santità di Nakir, Gran Maestro dei Consacratori. Ce ne sono sicuramente altre che non abbiamo ancora visto nell'ambientazione ed è bello poterne dare un esemplare ai nostri personaggi.

Ciò che ha colpito maggiormente molti giocatori e appassionati di Angeli Oscuri, però, è stato lo sviluppo del loro background.
Con l'aprirsi della Cicatrix Maledictum, gli Angeli Oscuri si sono trovati nell'Imperium Nihilus. Dopo la fine della Noctis Aeterna, la Roccia viene assediata dai demoni guidati dal Principe Demone Marbas. Costui è attualmente l'unico Caduto che abbia raggiunto lo status di Principe Demone e precedentemente era stato solo nominato in Cypher - Lord of the Fallen, la Dataslate di 6a edizione che uscì il 25 dicembre 2013 e che reintrodusse Cypher all'interno del gioco, oltre ad ampliare il suo background. Ora Marbas passa dall'essere un personaggio appena nominato ad uno estremamente temibile per il Capitolo, poiché, durante il suo assedio, causa la liberazione di Luther, un evento epocale che potrebbe scatenare ulteriori eventi molto interessanti. Marbas diventa quindi una nuova nemesi per il Capitolo, un Principe Demone che ha deciso di modificare il proprio volto per assumere l'aspetto di uno dei leoni di Caliban, anch'esse creature create dal Caos. Nel Codex, il nome di Marbas torna a ricevere attenzione anche nelle pagine di Belial e Sammael. Quest'ultimo viene proprio salvato da Belial prima che Marbas riesca ad ucciderlo, creando già un legame d'odio e vendetta personale tra il Principe Demone e due personaggi speciali degli Angeli Oscuri. Dopo l'assedio, Marbas è stato anche reso il Caduto più ricercato dopo Cypher.
La liberazione di Luther, invece, porta a successivi eventi citati nella cronologia del Codex. Tramite voci, impronte psioniche e confessioni, gli Angeli Oscuri percepiscono il riunirsi di molti Caduti negli oscuri recessi dell'Imperium Nihilus. Chiaramente il Capitolo non può avere lo stesso pensiero di Azrael, il quale sospetta che Luther stia causando tutto questo. Prima ancora della liberazione di Luther, i Bibliotecari del Capitolo avevano ricevuto orribili visioni su numerosissimi Caduti riuniti, ma questo ci porta ad un ragionamento.
Come viene ribadito anche in questo Codex, Luther non è più sotto l'influenza del Caos durante gli ultimi attimi della battaglia che terminò con la distruzione di Caliban. Dopo impazzisce e per anni sostiene che Lion tornerà per assolvere lui e i Caduti dai loro peccati. Ciò vuol dire che, fino alla fine del M41, Luther è apparentemente pentito e assolutamente non caotico, anche perché ha spesso fornito informazioni utili ai Gran Maestri Supremi per la caccia ai Caduti. Cosa può essere successo durante e dopo la sua liberazione? I Caduti non sanno delle idee di Luther e Marbas potrebbe averlo liberato trovandosi davanti un individuo con idee molto diverse da quelle che si aspettava oppure potrebbe averlo convinto a schierarsi al suo fianco. Difficile dirlo, poiché il Codex non fornisce ulteriori informazioni sulla faccenda, una mossa chiaramente volontaria che ha già scatenato la creazione di teorie da parte delle community. Ma, prima di concludere, parliamo anche della questione Primaris.
Dopo l'assedio della Roccia, circa mille marine provenienti da sei Capitoli dei Senza Perdono, tra cui Angeli Oscuri, Angeli della Vendetta, Consacratori e Guardiani del Patto, scendono sul pianeta Darkmor cercando Marbas, ma cadono in una trappola che li vede macellati da demoni, space marine del caos e rinnegati. Cypher risulta presente su Darkmor e meno di cento marine dei Senza Perdono riescono a sopravvivere perché, inseguendo l'Angelo Caduto, vengono condotti verso un sistema di teletrasporto segreto. Cypher riesce quindi a salvare alcuni lealisti da questo attacco passando per il traditore fuggitivo agli occhi di chiunque non conosca la verità. Dopo il massacro di Darkmor, Azrael decide di riunire i Gran Maestri Supremi dei Capitoli Successori per discutere sul da farsi all'interno della Roccia. Alcuni di essi sono già presenti (proprio perché hanno partecipato alla missione su Darkmor), ma l'Imperium Nihilus causa non pochi problemi agli altri Capitoli Successori, alcuni dei quali si perdono nel Warp o rimangono invischiati in conflitti che non permettono loro di avanzare. Quando Azrael decide di non poter più aspettare, Roboute Guilliman raggiunge la Roccia. Azrael sospetta che Guilliman sappia del passato degli Angeli Oscuri e sia arrivato per estinguerli, perciò non sa se fuggire o cercare di difendersi, ma alla fine abbandona queste due opzioni e lascia che le navi di Guilliman attracchino sulla Roccia. Il primarca fa quindi sì che svariati Primaris con seme genetico degli Angeli Oscuri escano dalle cripte di stasi della Zar-Quaesitor (o, tecnicamente, anche dalle schiere di quelli già svegli) andando a rinfoltire i ranghi dei Senza Perdono. Guilliman informa Azrael dei cambiamenti apportati al Codex Astartes e approva il mantenimento delle Ali della Morte e del Corvo.
In questo modo riceviamo anche la storia di come gli Angeli Oscuri e alcuni Successori hanno ricevuto i propri rinforzi da parte dei Primaris, ma il Circolo Interno non si fida completamente di loro fin da subito perché essi non hanno ricevuto i classici e lunghi riti di indottrinamento e non hanno ricevuto tutte le storie apocrife da cui venivano progressivamente rivelati segreti e verità. Questo causa la loro iniziale esclusione dall'Ala della Morte, ma, proseguendo nel Codex e leggendo BG e Keyword dei Bibliotecari, pare che almeno i Bibliotecari Primaris possano essere stati ammessi (sicuramente ne sapremo di più in War of Secrets, romanzo di Phil Kelly in uscita a giugno 2018).


Abbiamo quindi davanti a noi un Codex che riesce a dare inizio a un ottimo sviluppo narrativo per gli Angeli Oscuri e a fornire regole adatte a loro, pur commettendo qualche scivolone come quello, a parer mio, commesso con i Talonmaster. Secondo me, il Codex: Angeli Oscuri potrebbe addirittura contenere i semi della prima campagna narrativa di 8a edizione. La liberazione di Luther e un Caduto Principe Demone con un aspetto molto particolare sono cose che potrebbero rivelarsi la base di una futura uscita dedicata a Caduti caotici agli ordini di Marbas e Caduti ipoteticamente "neutrali" agli ordini di Luther. Nel caso in cui Lion ritorni per una campagna simile, penso che la mossa più coraggiosa che Games Workshop potrà compiere sarà proprio quella che Luther ha urlato a squarciagola per millenni: far sì che Lion perdoni realmente Luther.

--------------------
Se ti è piaciuto questo articolo, puoi valutare l'idea di sostenermi tramite una piccola donazione singola su Ko-Fi (Offrimi un Caffè) oppure tramite un abbonamento da un dollaro o più su Patreon che ti permetterà di leggere in anteprima gli articoli delle rubriche Momento. Questo mi può aiutare a sostenere le spese per il materiale usato per scrivere le varie rubriche dell'Astropate e a creare nuovi progetti interessanti. 
Grazie mille a tutti i miei sostenitori.

0 commenti:

Posta un commento