martedì 2 gennaio 2018

"Malign Portents: Episodio 2 - The Conqueror", l'analisi



Nuovo episodio di Malign Portents, nuova analisi.
Oggi l'attenzione è puntata sul Caos e, mentre ieri abbiamo visto Elias osservare un Lord-Ordinator, oggi lo vediamo sbirciare con gli occhi rivolti verso una Darkoath Warqueen, l'araldo del Caos di Malign Portents. Si potrebbe quindi ipotizzare che i prossimi due video trattino il Fungoid Cave-Shaman della Distruzione e il Knight of Shrouds della Morte. Se poi consideriamo che il quarto video uscirà nel giorno in cui terminerà il countdown presente sul sito ufficiale di Malign Portents, magari potrebbe essere plausibile vedere un video sul Knight of Shrouds che ci riveli altre nuove uscite per la Morte. Tuttavia, questa è solo una supposizione, perciò passiamo alla vera analisi dell'episodio.

Iniziamo vedendo un duello in corso tra una Darkoath Warqueen e un Darkoath Chieftain, personaggio inizialmente creato per il gioco da tavolo Warhammer Quest: Silver Tower e poi aggiunto alla fazione Slaves to Darkness di Warhammer Age of Sigmar.


La regina guerriera sembra star avendo la peggio, ma contrattacca uccidendo il proprio avversario. Successivamente alza la propria arma e Elias si chiede se abbia avuto determinate visioni. Ciò viene confermato quando la regina continua la frase di Elias, parlando di ombre con lame arrugginite e cadaveri che bramano cuori. Apparentemente nulla di nuovo, si sta semplicemente parlando di ombre dei tumuli e zombi.


La regina continua annunciando la sua spedizione diretta verso Shyish, la quale comprenderà innumerevoli clan di barbari. Nel farlo, parla di fratelli e sorelle.
Questo e sorelle risulta interessante. Magari il 2018 potrebbe segnare non solo l'arrivo di un maggior numero di modelli femminili per gli Stormcast, ma anche per le orde del Caos. Qualcosa di ben presente nel background e che farebbe piacere vedere giocabile sui campi di battaglia.

Domani vedremo sicuramente un altro trailer. Secondo me, quello dedicato alla Distruzione.

0 commenti:

Posta un commento